Attenzione: durante il periodo Natalizio le consegne potrebbero richiedere dei tempi più lunghi a causa dell'elevata mole di lavoro per i corrieri.

Bagnetto del neonato: come farlo in sicurezza e allegria

Il bagnetto del neonato è una delle esperienze più gradevoli e appaganti che il neonato possa condividere coi suoi genitori.

Benché possa apparire come un momento molto semplice per quanto concerne la sua preparazione, il bagnetto dei bambini in pratica provoca diverse tipologie di dubbi nella mamma e nel papà.

Ciò accade principalmente durante i primi giorni trascorsi a casa col neonato, in quanto spesso i neogenitori hanno il timore che il bimbo possa avvertire fastidio oppure stare scomodo per via di fattori come la temperatura.

Fortunatamente, grazie a semplici accortezze che risultano essere fondamentali per poter effettuare un bagnetto in totale sicurezza, ma anche allegramente, potrete vivere questo particolare momento senza alcuna paura e ansia.

La gradevolezza dell’acqua calda, la schiuma e dei piccoli giochi idonei da utilizzare durante il bagnetto dei bambini come, per esempio, le classiche paperelle da bagno, renderanno questo momento estremamente rilassante e speciale per il bambino, purché ogni cosa avvenga sempre in piena sicurezza.

bagnetto del neonato

Le varie fasi da seguire per un bagnetto in completa sicurezza

Nel momento in cui si torna a casa dall’ospedale, solitamente si attende qualche giorno prima di procedere col primo bagnetto del neonato. Difatti è necessario aspettare che il moncone del cordone ombelicale sia caduto del tutto, favorendo così la guarigione della piccola lesione.

Indubbiamente il suggerimento migliore in questo senso i genitori possono averlo dal pediatra, il quale potrà consigliarvi nel migliore dei modi.

L’assiduità del bagnetto è sempre soggettiva, ma è importante rammentare che il neonato si può lavare pure ogni due o tre giorni, specialmente se viene deterso efficacemente a ogni cambio di pannolino.

Se supporta il bambino a rilassarsi, allora certamente il consiglio migliore è quello di fargli il bagnetto quotidianamente, mostrando però una considerevole attenzione nei confronti dei detergenti adoperati che devono rispettare la sensibilità della pelle di un neonato.

L’orario del bagnetto non deve essere uguale per tutti, ogni genitore stabilisce come meglio crede l’ora che gli sembra maggiormente adatta. Tanti genitori, per esempio, preferiscono fare il bagnetto al figlio nelle ore serali, in modo tale da rendere più agevole il sonno.

Un altro passaggio fondamentale che bisogna eseguire prima di cominciare il lavaggio, è quello di misurare la temperatura dell’acqua che logicamente non deve essere eccessivamente calda (la temperatura ideale è tra i 37 e i 38 °C), per evitare che il bimbo possa scottarsi.

Se siete giovani mamme e papà e non avete esperienza in quanto si tratta del vostro primo figlio, allora il consiglio è quello di farvi aiutare e collaborare durante tutto il bagnetto.

Infatti in due i vari procedimenti da fare saranno molto più facili e vi sentirete maggiormente sicure nella gestione di vostro figlio nell’acqua.

Oltre a tali aspetti, questa è un’esperienza bellissima ed emozionante, ancor più le prime volte, da condividere col vostro partner.

È essenziale non usare il sapone su determinate parti del corpo del neonato, come per esempio il viso, che si deve lavare unicamente con l’acqua, per evitare conseguenze spiacevoli come arrossamenti e bruciori agli occhi.

Per il resto del corpo si devono prediligere quei saponi delicati che contengono ingredienti naturali adatti per la cute di un neonato.

Questi prodotti sono utili per lasciare un buon profumo di pulito sulla pelle, senza un’azione aggressiva nei confronti della pelle.

Dove fare il bagnetto del neonato

Quando il bambino ha più di due mesi, il lavandino non è più il mezzo giusto dove poterlo lavare.

A questo punto la soluzione migliore è certamente la vaschetta per il bagnetto. Il metodo più corretto per usarla è quello d’inserirla nella doccia oppure nella vasca da bagno, così si eviterà un’eccedenza di schizzi sul pavimento. La misura fondamentalmente adeguata è sempre quella corrispondente a un modello più ampio, acquistando poi a parte un riduttore. In tal modo si potrà adoperare la stessa vasca per molto più tempo, evitando sprechi.

Un aspetto imprescindibile è poi quello di scegliere una vaschetta realizzata con un materiale di qualità e sicuro, che possa garantire massima stabilità e avere i giusti supporti affinché il piccolo possa sedere in maniera comoda e con meno rischi possibili.

Quali giochi per il bagnetto è preferibile utilizzare

Rendere la vasca per il bagnetto più accogliente e allegra può essere un ottimo modo per far sì che il bambino apprezzi il momento della pulizia, vivendolo al contempo come un gioco. In acqua sarà ovviamente necessario utilizzare giocattoli realizzati con materiali adatti, come il lattice o la gomma, impermeabili e infrangibili, ma è consigliabile tener conto anche di altri aspetti.

I classici pupazzetti da bagno, raffiguranti papere e altri animali, possono rappresentare infatti un pericolo per i più piccoli poiché la valvola presente sul fondo può raccogliere acqua, sapone e sporcizia e dare vita alla formazione di muffe e batteri. Per questo motivo è preferibile utilizzare giochi privi di valvola, come le paperelle prodotte dall’azienda spagnola Oli & Carol, o gli animaletti di Tikiri, che da questo punto di vista riescono a garantire i più elevati standard di sicurezza.

Elvis, la paperella da bagno di Oli&Carol

Paperella gomma bagno Menta

Una paperella interamente realizzata in lattice naturale e priva della valvola per l’aria, che come detto può favorire la proliferazione di muffe e batteri.

Prezzo: € 12,00

Perché sceglierla? Grazie all’utilizzo di un materiale completamente naturale ed ecologico e all’assenza della valvola per l’aria, le paperelle Oli & Carol garantiscono la massima sicurezza per il bambino e il totale rispetto dell’ambiente.

Tra i giochi da utilizzare in acqua, infine, molto divertenti per i bambini che abbiano superato i 6 mesi di età, possono essere i libri impermeabili, che permettono di raccontare delle storie durante questo piacevole momento. Lilliputiens, per esempio, propone dei libri da bagnetto in cui i personaggi cambiano abiti e colori in base alla temperatura dell’acqua, rendendo la storia ancora più avvincente: un ulteriore modo per condividere emozioni con i propri piccoli anche nella vasca da bagno!

Libri impermeabili per il bagnetto Lilliputiens

libro per bagnetto bimbi

I libri impermeabili Lilliputiens sono studiati proprio per favorire divertimento e fantasia durante il momento del bagnetto. Immersi in acqua calda (a più di 32 gradi), questi soffici libretti cambiano infatti colori e disegni, permettendo al piccolo di vivere ogni volta un’esperienza unica.

Prezzo: € 11,90

Perché sceglierli? Sinonimo di sicurezza e qualità, Lilliputiens realizza questi libri in maniera tale da offrire il massimo divertimento senza rischi. Le simpatiche storie raccontate all’interno, inoltre, rappresentano un’occasione unica per condividere emozioni positive con i grandi, rendendo il bagnetto un momento davvero piacevole per tutti.

>>> Leggi anche: Uno zainetto per la scuola o per il tempo libero: tante idee per crescere insieme <<<

Leave a Reply